CREPAX E POE... A CARTOOMICS 2009

Posted By: ric - 01:49




Queste due tavole sono la storia: la prima è la riproduzione di un disegno realizzato, nel 1951, da un giovanissimo Guido Crepax per illustrare il racconto Gli assassinii di Via Morgue la seconda è, invece, una riproduzione di una delle sette tavole che un Crepax più maturo e ormai conosciuto ha realizzato per raccontare a fumetti sull pagine di Linus il medesimo racconto.
Queste tavole, e altre ancora, sono al cenro della mostra Ricominciando da Poe realizzata ne Il cerchio Giallo a Cartoomics 2009. Se non conoscete Crepax, il papà di Valentina l'autore di un memorabile Dracula a fumetti, ecco alcune notizie tratte dal ito della Fondazione Franco Fossati.
Nasce a Milano (Italia) il 15 luglio 1933. Mentre frequenta la facoltà di architettura (si laureerà nel 1958) esordisce nel campo dell'illustrazione e della grafica realizzando copertine di dischi, poi immagini pubblicitarie (la campagna della Shell vincerà la Palma d'oro nel 1957) e copertine di libri.
Nel 1958 viene chiamato a collaborare con il primo news magazine rivolto al medico italiano, Tempo Medico; realizza così la copertina del numero zero (15 novembre), che modifica per il numero 1 (marzo 1959), e disegna poi tutte le copertine fino alla seconda metà degli anni Ottanta. Per la stessa testata, leader del settore, illustra anche 356 "clinicommedie", casi clinici sceneggiati e presentati in forma di quiz medici, fino al caso de "La fioraia dal profumo di pesce" (Tempo Medico n. 447, 1 dicembre 1993). Realizza inoltre numerose illustrazioni per altre testate della casa editrice (divenuta Editiemme) e per campagne promozionali nel settore medico-farmaceutico.
Nel maggio del 1965 debutta sulle pagine di Linus come autore di fumetti, dando vita a Philip Rembrandt, alias Neutron, critico d'arte e investigatore dilettante, personaggio in bilico tra il giallo e la fantascienza; ma il maggiore successo viene subito registrato da un personaggio comprimario, la fidanzata Valentina (i cui tratti si ispirano a Louise Brooks, indimenticabile Lulu del film di Pabst), che diventerà la vera protagonista della serie e, in breve tempo, uno dei personaggi a fumetti più noti nel mondo.
Autore assai prolifico, Crepax crea negli anni Settanta numerose altre eroine (Belinda, Bianca, Anita), realizzando anche sofisticate versioni a fumetti di alcuni classici della letteratura erotica, a partire da Histoire d'O, seguita da Emmanuelle e Justine. Nel 1977 crea, ancora per i tipi di Editiemme, una delle sue opere più singolari e mature, "Lanterna magica", un volume senza parole, subito pubblicato anche in altri Paesi.
Nello stesso periodo partecipa alla prestigiosa collana Un uomo un'avventura della Cepim (Bonelli) realizzando "L'uomo di Pskov" e "L'uomo di Harlem".
Riconosciuto ormai come una stella di prima grandezza nell'Olimpo del fumetto italiano, Crepax lavora soprattutto per la pubblicità, ma i suoi fumetti, divenuti più rari anche per la crisi del mercato editoriale italiano, rimangono eventi importanti, come il recente "Frankenstein", e i suoi personaggi vengono più volte ristampati.
Ammalato da tempo, si aggrava improvvisamente e dopo un mese di lotta con la malattia si spegne nella notte tra mercoledì 30 e giovedì 31 luglio 2003, a settant'anni. Riposa nel famedio del Cimitero Monumentale di Milano.

About ric

Magazine Power Theme is officially developed by Templatezy Team. We published High quality Blogger Templates with Awesome Design for blogspot lovers.The very first Blogger Templates Company where you will find Responsive Design Templates.

Powered by Blogger.
Find Us

Ads

Copyright © 2015 All Rights Reserved

Blogger Templates Designed by Templatezy